#Infoutili: Le banche del sangue non chiudono per ferie

Curiosando su internet, navigando sul magazine web della “Fondazione Umberto Veronesi – per il progresso della scienza § il portale di chi crede nella ricerca” abbiamo letto e siamo felici di condividere questo interessante articolo della giornalista Donatella Barus: Buona lettura e se vi va condividetelo sui vostri Social!

Si rinnovano gli appelli dei centri trasfusionali: donate sangue anche ad agosto. In estate la disponibilità di emocomponenti cala anche del 20%

Come ogni estate, dai centri trasfusionali della penisola sono partiti gli appelli a non dimenticarsi di donare il sangue, prima di partire per le vacanze o fra un escursione e l’altra. Quello fra giugno a settembre, infatti, è uno dei periodi dell’anno in cui si registra un calo della disponibilità dei diversi componentidel sangue (globuli rossi, plasma e piastrine), mentre il fabbisogno resta costante, quando non aumenta, specie nelle zone ad alta affluenza di turisti o nelle grandi città che si svuotano di donatori effettivi o potenziali.

L’EMERGENZA ESTIVA

«Un calo intorno al venti per cento è un dato storico, che si ripete ogni anno», conferma Franco Castagno, responsabile per la raccolta della Banca del Sangue della Città di Torino dell’ospedale Molinette. «Nei mesi estivi si può incorrere in una carenza soprattutto di sangue di tipo 0 negativo, più raro nella popolazione generale, quindi è il primo di cui si avverte la mancanza, e di piastrine, di cui vi è necessità costante dato che hanno una durata massima di conservazione di 5 giorni. Ecco perchè – raccomanda il medico – è importante che le donazioni siano costanti nel corso dell’anno e non si concentrino, come invece accade di solito, a giugno e dicembre».

L’ESERCITO DEI VOLONTARI

Negli ultimi anni la disponibilità di sangue in Italia è buona, i donatori abituali sono poco meno di un milione e 750 mila e la maggior parte delle Regioni riesce a far fronte autonomamente al fabbisogno di emocomponenti. Quando invece vi sono necessità superiori alle scorte disponibili, entra in gioco la “bacheca del sangue”, predisposta dal Centro Nazionale Sangue, che nella prima metà di luglio ha distribuito 1.500 unità di globuli rossi a quattro regioni, Toscana, Lazio, Puglia e Abruzzo.

IL SANGUE RARO

Una questione recentissima è poi quella del sangue raro, che presenta cioè una particolare combinazione di antigeni e che si rende necessario per curare persone che possono avere problemi di incompatibilità con le tipologie “classiche” di sangue. Più una società è multietnica, più aumenta la probabilità di situazioni di questo tipo. Ecco perchè molti esperti richiamano l’attenzione sulla necessità di donatori fra la popolazione immigrata.

DOVE VA IL SANGUE DONATO

«La destinazione prevalente delle sacche di sangue donato restano i reparti di ematologia, nel trattamento di leucemiemielomi e linfomi, per i trapianti di staminali emopoietiche», spiega ancora Castagno. «Poi ci sono le sale operatorie, anche se rispetto al passato gli interventi chirurgici richiedono molte meno trasfusioni. Soprattutto la chirurgia dei trapianti resta uno degli ambiti con le maggiori necessità di emocomponenti. Basti pensare che per un trapianto di fegato è necessaria come minimo la disponibilità di 20 sacche di globuli rossi e altrettante di plasma».

 

Consigliamo inoltre la lettura di questo interessante articolo reperibile sempre sul Magazine della Fondazione al seguente link:

https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/cardiologia/limportanza-di-donare-sangue-anche-in-estate

EMERGENZA CARENZA DI SANGUE

Gentili Donatori, riceviamo e condividiamo questo importante messaggio del Dott. Strada, responsabile del SIT dell’Ospedale San Martino di Genova, rinnovando l’invito alla donazione:

Carissimi,

da molte settimane le scorte di sangue della nostra Regione sono molto al di sotto dell’atteso.Ieri e oggi abbiamo una carenza di emazie di gruppo 0 Rh negativo tale da rischiare di dover rinviare importanti interventi chirurgici.

La carenza di emazie di gruppo A è tale che si devono trasfondere i pazienti di gruppo A con sangue di gruppo 0.

Vi chiedo un intervento fattivo per incrementare il numero delle donazioni da subito e contemporaneamente vi invito a prelevare sangue intero anche da quei donatori che si presentano per donare il solo plasma, ovviamente se possibile.

I questo momento l’approvvigionamento di plasma è sicuramente meno importante che non la grave carenza di sangue.

Confido in un forte intervento delle Associazioni al fine di scongiurare misure restrittive nell’utilizzo di questo farmaco salvavita, suggerisco l’attivazione di raccolte periferiche aggiuntive alle programmate

Cordiali saluti”

Terremoto: Se volete donare il sangue, non fatelo tutti oggi

Carissimi Donatori,

Visti gli ultimi avvenimenti drammatici accaduti nel Nostro Paese durante quest’ultima notte, Vi proponiamo qui di seguito un interessante intervista di Radio24 a Vincenzo Saturni, Presidente di Avis Nazionale per poterVi dare più informazioni possibili riguardo il comportamento che i donatori dovrebbero adottare in momenti di così grande emergenza.

Ecco qui l’intervista:

 

In seguito Vi proponiamo anche un interessante articolo tratto dalle pagine online del Magazine VITA dedicato al racconto sociale, al volontariato, alla sostenibilità economica e ambientale e, in generale, al mondo non profit.

La giornalista Antonietta Nembri propone ai suoi lettori un’interessante intervista fatta sempre a Vincenzo Saturni, Presidente di Avis Nazionale.

Noi di Avis San Colombano in questo momento di bisogno cerchiamo, nel nostro piccolo, di impegnarci a divulgare queste importanti notizie.

A presto.

AVIS COMUNALE SAN COLOMBANO.

Ecco qui di seguito il link e l’articolo stesso:

http://www.vita.it/it/article/2016/08/24/se-volete-donare-il-sangue-non-fatelo-tutti-oggi/140474/

Vincenzo Saturni, presidente di Avis nazionale spiega perché è meglio programmare le donazioni su un lungo periodo. In casi come quello del sisma che ha colpito il centro Italia c’è il rischio che le donazioni “scadano” al momento in cui servirebbero di più. In ogni caso il Centro nazionale sangue garantisce l’afflusso di plasma e derivati nelle zone colpite.

Dai social rimbalzano gli appelli a donare sangue. Ma quale è il corretto comportamento a tenere in emergenze come quella che si è verificata oggi? La corsa a donare subito è davvero utile?
Lo abbiamo chiesto a Vincenzo Saturni, presidente nazionale di Avis che come prima cosa ricorda il recente piano nazionale sangue per le maxi emergenze. «È stato approvato a luglio e prevede che in occasione di grandi emergenze, come quella di queste ore, ci sia un coordinamento che ha al suo vertice il Centro Nazionale Sangue che valuta le necessità trasfusionali e attiva una rete che partendo dal Cns allerta le strutture regionali di coordinamento e di qui le associazioni e i centri trasfusionali che contattano i donatori con chiamate programmate. In questo modo si garantisce l’afflusso di sangue in modo continuativo» spiega Saturni.

Da non trascurare, inoltre, che il Lazio – la principale regione colpita dal sisma di questa notte -, vive storicamente una problematica sul fronte trasfusionale dovuto al fatto che soprattutto su Roma vi è un grande afflusso di malati provenienti da tutta Italia «ci sono grandi centri ospedalieri d’eccellenza e per questo c’è un grosso fabbisogno». Tuttavia, il presidente di Avis, ricorda che nell’immediato – in occasioni come queste – sono fatte convergere nelle zone colpite le unità di sangue già disponibili nel sistema.

«Quando accadono eventi come queste la spinta emotiva a donare subito è fortissima, ma non bisogna dimenticare che la necessità di sangue ed emoderivati continua anche nei giorni e nei mesi successivi e che ogni giorno in Italia vengono fatte 8.600 trasfusioni. Per cui l’invito che mi sento di fare – continua Saturni – è innanzitutto di non andare sul luogo a donare, in loco nessuno è in grado di raccogliere sangue, l’unico risultato è quello di intasare le vie di comunicazione». La realtà non è come nei film d’antan, la donazione che per esempio viene fatta oggi non sarà disponibile che tra 24/30 ore.

Per Vincenzo Saturni chi desidera donare è meglio si rivolga «alle sedi Avis e alle altre associazioni che sono vicino a casa». Inoltre, ricorda che «tramite la bacheca virtuale del Centro nazionale sangue viene valutato se ci sono necessità aggiuntive, nell’immediato si mettono a disposizione le unità già disponibili, le scorte dovranno poi essere ricostruite».
Alcune settimane fa, per esempio, dopo la tragedia del deragliamento in Puglia la risposta della popolazione è stata impressionante «C’era la coda per donare, ma a un certo punto si è dovuto dire basta»., spiega il presidente nazionale Avis. «Se io, per esempio, dono oggi, per tre mesi non possono più farlo, per questo è meglio donare in modo programmato in accordo con le associazioni e i centri trasfusionali che conoscono le necessità». Un particolare da non trascurare è che i globuli rossi, per esempio “durano” 42 giorni.

Vincenzo Saturni conclude con una speranza che «la scintilla di solidarietà che si è accesa in molti oggi facendo loro pensare che la possibilità di donare il sangue sia anche per loro resti così che divengano donatori»

RACCOLTA MOBILE A EXPO FONTANABUONA TIGULLIO DOMENICA 28 AGOSTO 2016

RACCOLTA MOBILE A EXPO FONTANABUONA TIGULLIO DOMENICA 28 AGOSTO  2016

Si avvisano i gentili Donatori che Domenica 28 Agosto 2016 a Calvari in occasione di Expo Fontanabuona Tigullio dalle ore 8:30 alle ore 12:30 ci sarà una Raccolta di Sangue con Autoemoteca in collaborazione con Avis Comunale Genova.

expovol

Vi segnaliamo quindi di portare con voi la Vostra tessera Avis e un documento di riconoscimento.

Inoltre ricordiamo che per donare sangue è consigliabile essere a digiuno da almeno 2 ore, ma non da più di 15.
E’ consigliabile comunque una leggera colazione a base di tè o caffè poco zuccherati accompagnati da fette biscottate o biscotti secchi.

Nell’attesa di ritrovarvi numerosi alla raccolta a San Colombano Certenoli, l’Avis San Colombano vi porge un grande Saluto!

A presto!

 

AVVISO IMPORTANTE: GRAVE CARENZA DI SANGUE

Causa GRAVE CARENZA DI SANGUE invitiamo i donatori a recarsi urgentemente presso il Centro Trasfusionale Ospedaliero a Lavagna (tel. 0185-329599) per la donazione di sangue (da lunedì a sabato dalle ore 8.00 alle 11.00).

Altrimenti vi aspettiamo alla nostra prossima raccolta mobile che sarà DOMENICA 28 AGOSTO dalle ore 8.30 alle ore 12.30 presso l’Expo Fontanabuona a Calvari.

Ringraziandovi anticipatamente per questo grande gesto di solidarietà vi porgiamo Cordiali Saluti.

AVIS COMUNALE SAN COLOMBANO.

carsangue

AVIS A EXPO FONTANABUONA TIGULLIO 2016

Anche quest’anno l’AVIS Comunale San Colombano  per conto di AVIS Provinciale Genova e in collaborazione con tutte le sedi AVIS presenti nel Tigullio sarà presente con uno stand presso l’Expo Fontanabuona Tigullio 2016 dal 27 agosto al 4 settembre. Ne approfitteremo per promuovere tutte le nostre iniziative e far conoscere la realtà Avisina! !

Inoltre, ne approfittiamo per ricordarvi che in data 28 agosto 2016 sempre presso i padiglioni di Expo Fontanabuona Tigullio saremo presenti con un’autoemoteca per effettuare una raccolta straordinaria di sangue dalle ore 8.30 alle ore 12.30. 

L’Avis Comunale San Colombano vi invita quindi a visitare il nostro stand e rinnova l’invito a donare:

Che ne dite?? Noi vi aspettiamo numerosi a Calvari dal 27 agosto al 4 settembre!!

A presto! !

AVIS COMUNALE SAN COLOMBANO.

LA PRIMA VOLTA – campagna di comunicazione estiva

Tramite Avis Nazionale Siamo orgogliosi di presentarvi ufficialmente lo spot della nuova campagna di comunicazione estiva!
Per ricordare a tutti che il bisogno di sangue non va in vacanza ed è importante donare sempre, anche d’estate!
‪#‎laprimavolta‬

CARENZA DI SANGUE GRUPPO ZERO POSITIVO

Si avvisano i nostri donatori che ci è stata segnalata una carenza di sangue del gruppo ZERO POSITIVO.

Invitiamo quindi tutti i nostri donatori di questo gruppo sanguigno ad andare a   DONARE!!!

Ringraziandovi per questo grande gesto di solidarietà, l’Avis San Colombano vi porge un grande abbraccio!

A presto!

avis3